Paesaggio

La città nel modellismo ferroviario

Se nel nostro plastico c’è una stazione di medie o grandi dimensioni (o parte di essa) , necessariamente avremo anche una parte di città. Poiché un’intera città non c’entra dobbiamo fare in modo che possa allargarsi tramite l’utilizzo di opportuni sfondi.

Ricordiamoci che se non riusciamo a far sparire alla vista alcuni tratti di binario dal nostro plastico per mancanza di spazio, possiamo sempre farli passare dietro uno sfondo.

Le Montagne nel plastico ferroviario

Le montagne sono una parte essenziale del plastico sia che siano percorse da treni che salgono e scendono, sia che siano attraversate da gallerie oppure che semplicemente facciano da sfondo.

Ovviamente montagne e colline non saranno in perfetta scala, però con opportuni accorgimenti si può ottenere un certo realismo.

In una apposita sezione vediamo le diverse tecniche di realizzazione delle montagne, che di solito costituiscono parte della struttura del plastico.

In questa pagina vediamo alcune considerazioni su come concepire le montagne nel nostro plastico.

Se è vero che binari sono elementi dritti o archi di cerchio , evitiamo di dare alle montagne forme geometriche esatte , ricavate dal tracciato.

Spesso si vedono plastici con colline perfettamente circolari, simmetriche , a forma di otto …ovvero uguali alla forma dei binari! 
Evitiamo situazioni del genere e piuttosto realizziamo montagne e colline di forme irregolari, che poi ‘l’uomo’ ha adattato alle esigenze ferroviari con scavi, gallerie, muri, ponti, ed opere edili di vario genere.

Se le montagne si trovano sullo sfondo, la parte posteriore può rimanere aperta, ovvero accessibile per intervenire sui binari nascosti, all’interno delle gallerie o nelle stazioni fantasma.

Se invece la montagna è al centro del palstico, ci vorrà qualche accorgimento in più per poter accedere alle parti nascoste da sotto al plastico.

Spesso si utilizzano montagne con parti rimovibili, in caso di necessità.